StandTogether a difesa della libertà religiosa

#StandTogether  ha organizzato il 3 aprile 2019 un incontro sul tema della libertà religiosa in collaborazione con l'ambasciata Usa presso la Santa Sede. Hanno partecipato l'Ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede, Callista Gingrich, e il Segretario di Stato Vaticano, Cardinale Parolin.

Il cardinale Parolin (video del suo intervento) ha espresso il suo rammarico per il fatto che la libertà religiosa continui ad essere minacciata e che, pertanto, la situazione di molti credenti sia lungi dall'essere migliorata. "Una breve considerazione delle numerose violazioni della libertà religiosa sulla scena mondiale e del numero spaventoso di persone innocenti che subiscono persecuzioni, a causa delle loro credenze, tra cui molti cristiani, non dovrebbe lasciare dubbi sul fatto che si tratta di un attacco aggressivo che colpisce il nucleo stesso del rispetto dei diritti umani fondamentali".

Il Segretario di Stato vaticano ha poi ricordato che la violazione della libertà religiosa minaccia il bene comune. "Nonostante i tanti sforzi per promuovere e rafforzare il diritto umano fondamentale della libertà religiosa, in realtà stiamo assistendo a un continuo deterioramento, potremmo dire anche un'aggressione, di questo diritto inalienabile in molte parti del mondo".

L'ambasciatore degli Stati Uniti presso la Santa Sede, Callista Gingrich, ha sottolineato come il simposio “è arrivato in un momento urgente. Purtroppo, per milioni di persone in tutto il mondo, la libertà religiosa è attualmente minacciata o completamente limitata. Tutti noi, attraverso i governi, la società civile, le organizzazioni religiose e i media, dobbiamo lavorare insieme per promuovere e difendere questa causa".

Sono anche intervenuti il prefetto del dicastero vaticano della Comunicazione, Paolo Ruffini, il presidente di Aiuto Italiano alla Chiesa bisognosa, Alessandro Monteduro, e ill presidente del progetto #StandTogether, Roberto Fontolan. Essi hanno preso parte ad una tavola rotonda dedicata alla presenza sui media del problema dei cristiani perseguitati. Moderatore del forum è stato il Consigliere speciale per le minoranze religiose negli Stati Uniti, Knox Thames.

C’è stata poi un'altra tavola rotonda con Pat Murray, Segretario esecutivo dell'Unione internazionale dei Superiori generali (UISG), Silvio Ferrari, docente di Diritto e Religione all’Università Statale di Milano e all’Università Cattolica di Lovanio, e Mons. Khaled Akasheh, Segretario del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso. Anche qui ha moderato l’incontro Knox Thames.

Il qualificato pubblico era composto da ambasciatori presso la Santa Sede, giornalisti ed esperti del settore. Il fatto che l'Ambasciata degli Stati Uniti abbia ospitato l'evento e che sia intervenuto il Segretario di Stato vaticano ha dimostrato l'importanza di questo tema. L'obiettivo di sensibilizzare i massimi rappresentanti dei cristiani perseguitati in Vaticano è stato un completo successo. 

 
--------------------------

#StandTogether è una piattaforma digitale, inclusiva ed ecumenica, creata per dare voce a tutti i cristiani che vivono in situazioni di discriminazione o persecuzione, in particolar modo in Medio Oriente.

#StandTogether nasce della cooperazione tra il Centro Internazionale di Comunione e Liberazione, l’Associazione Amici di Rome Reports, la Fundación Promoción Social de la Cultura e l’Associazione Iscom, ideatori del progetto. Ad essi si è recentemente affiancata una società americana, Religious Freedom and Business Foundation, in qualità di partner e il progetto rimane aperto a tutti coloro che desiderino farne parte.