Liturgia

È l'esercizio della funzione sacerdotale di Gesù Cristo, nella quale si realizza la santificazione degli uomini attraverso segni sensibili e allo stesso tempo si esercita il culto pubblico a Dio da parte del Corpo mistico di Cristo. È il termine generale usato per descrivere tutti gli atti di celebrazione e venerazione ufficiale compiuti dalla Chiesa. Comprende la Messa, cioè la liturgia eucaristica, il cuore dell’esistenza cristiana; la celebrazione degli altri sacramenti; i sacramentali e gli altri atti di culto come la liturgia delle ore, che contiene le preghiere ufficiali della Chiesa recitate quotidianamente per santificare le diverse parti della giornata.

I soggetti che nella liturgia esercitano la funzione di santificare sono i vescovi, i presbiteri, i diaconi e gli altri fedeli, ognuno secondo la propria condizione.

Spetta alla Sede apostolica regolamentare la sacra liturgia della Chiesa universale, pubblicare i libri liturgici, curare le traduzioni nelle varie lingue e vigilare affinché le norme liturgiche si compiano fedelmente.

Alle conferenze episcopali spetta la pubblicazione delle traduzioni nelle proprie lingue dei  libri liturgici, sempre con il placet della Santa Sede.

Al vescovo diocesano spetta di stabilire le norme obbligatorie in materia liturgica, nei limiti della propria competenza.

Fonti: Cost. Ap. Sacrosantum Concilium; Codice dir. can. cc. 2, 834-839.